Antonio Fazio

Di Marino & Eleonora Cortese

 

Antonio Fazio

Antonio Fazio

Osservando frontalmente il volto di Antonio Fazio, vediamo che appartiene alla tipologia dilatata, gioviana; è un viso rettangolare con spigoli arrotondati.

Tutto questo ha una duplice valenza: da una parte denota una volontà rivolta verso il potere, con bisogno di influenzare tutti quelli che lo circondano. L’energia vitale è grande, e gli permette di sopportare differenti attività mentali, politiche, gestionali anche in contemporanea.

La mascella ed il mento infatti sono ben piantati, forti; d’altro canto le rotondità agli angoli del volto ed il tipo di capello che lo incornicia lo rendono un buon mediatore e politico, in grado di muoversi in qualsiasi situazione gli accada.

Il lato negativo è che, se messo da parte, potrebbe cadere in crisi nervoso/depressive.

In particolare, le esperienze degli ultimi anni gli hanno provocato parecchie tristezze e malinconie, che spiccano e si evidenziano nei laterali della bocca rivolti verso il basso.

Dalle labbra poi vediamo che la circolazione dell’intestino è difficoltosa ed anche il cuore potrebbe soffrirne, anche perché è una buona forchetta e certe volte può eccedere nell’alimentazione.

Nonostante sia il numero uno della Banca d’Italia, nel volto ha dei segni specifici indicanti una frustrazione di base, come se non avesse in qualche modo realizzato pienamente ciò che voleva, e tutto ciò indipendentemente dagli ultimi fatti accaduti.

Vi è inoltre un lieve cedimento delle energie, dovute in parte all’età: il sistema uro-genitale (reni e prostata) potrebbe risentirne.

Il filtro è piuttosto largo, preciso e definito; ciò indica una fortuna di base ed una predisposizione innata a ricoprire cariche molto rilevanti e potenti.

Tutto ciò è confermato anche dalle due rughe laterali della bocca.

In questo periodo si sente una vittima e lo si vede ancora dal modo in cui tiene i laterali della bocca.

La fronte è espansa in senso orizzontale, rettangolare, e ciò lo rende persona predisposta all’analisi ed alla logica.

Il suo pensiero è acuto, attento. E’ strutturalmente lento nel prendere decisioni, ma una volta imboccata la strada, la percorre con costanza ed insistenza. L’orecchio dalla conca piuttosto larga denota la sua capacità di superare con forza le crisi. Una chicca: se vi sono presenti anche dei peli è segno di longevità. Se li farà togliere?

La tendenza mentale è quella di non voler stare solo con se stesso, ma in compagnia il più possibile di altre persone, per poter così sfuggire ai problemi che lo tormentano.

 

Articolo tratto da “La Chioma di Berenice” anno 2006, quando Fazio era governatore della Banca d’Italia.

© Copyright by Marino ed Eleonora Cortese